Home / Pubblicazioni / Start up innovative, il nodo dei capitali per par...

Start up innovative, il nodo dei capitali per partire

Quotidiano del Fisco/Il Sole24ore

30/12/2014

Con la circolare del ministero dello Sviluppo economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 è stata data attuazione al Dm 24 settembre 2014, introdotto per sostenere la nascita e lo sviluppo di start-up innovative su tutto il territorio nazionale, dando così impulso a produttività e occupazione. Si tratta di società di nuova costituzione o con meno di quattro anni di attività, che sviluppano e commercializzano prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico (almeno il 15% delle spese devono essere ascrivibili ad attività di ricerca e sviluppo e la società deve essere titolare, depositaria o licenziataria di diritti di privativa) e che impiegano forza lavoro qualificata, costituita per almeno 1/3 da dottorandi, dottori di ricerca o ricercatori, oppure per ameno 2/3 da soggetti laureati.

Il Ministero era ancora una volta chiamato a risolvere le principali criticità che hanno finora ostacolato lo sviluppo di start up innovative, ossia lo scarso apporto di capitali propri da parte dei destinatari dell’iniziativa e la conseguente difficoltà di anticipare i costi necessari per avviare il progetto imprenditoriale.

Pubblicazioni
Start up innovative, il nodo dei capitali per partire
Download
PDF 51 kB

Autori

La foto di Paolo Bonolis
Paolo Bonolis
Partner
Roma