Home / Pubblicazioni / Le conseguenze della mala gestio dell'assicurator...

Le conseguenze della mala gestio dell'assicuratore

La Corte di Cassazione, con ordinanza del 19 aprile 2018 n. 9666, ha avuto modo di affrontare, con rigore e chiarezza sistematica, la tematica della mala gestio. In particolare, la sentenza in commento distingue, in ragione della capienza del massimale, tre ipotesi da cui discendono conseguenze diverse sul piano della responsabilità dell'assicuratore. Premessa: la mala gestio. Ai sensi dell'art. 1917 c.c. l'assicuratore della responsabilità civile assume l'obbligo di tenere indenne l'assicurato dalle pretese risarcitone del terzo danneggiato. L'assicuratore è dunque tenuto a curare adeguatamente gli interessi dell'assicurato, manlevandolo dalle conseguenze pregiudizievoli di un fatto da lui commesso. Quando la compagnia si rende inadempiente agli obblighi di buona fede, correttezza e diligenza nell'esecuzione del contratto, trascurando gli interessi dell'assicurato, può rispondere nei confronti di quest'ultimo per mala gestio c.d. propria.

Pubblicazioni
Assinews maggio 2018
Download
PDF 547 kB

Autori

La foto di Laura Opilio
Laura Opilio
Partner
Roma
Luca Odorizzi
Luca Odorizzi
Associate
Roma