Home / Pubblicazioni / Covid-19 in Italia: rinvio delle udienze e sospensione...

Covid-19 in Italia: rinvio delle udienze e sospensione dei termini processuali

20/03/2020

Il 17 marzo 2020 il Presidente della Repubblica ha emanato il Decreto Legislativo n. 18 (c.d.“Decreto Cura Italia”), contenente  “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.” (il "Decreto”).

Il Decreto fa seguito ai precedenti interventi legislativi volti ad affrontare l'epidemia di Covid-19 sul territorio nazionale, modificandoli e in parte abrogandoli.
Tra le varie misure adottate, l’art. 83 del Decreto prevede una serie di regole riguardanti i procedimenti civili e penali pendenti, estendendo il periodo di sospensione (precedentemente fissato fino al 22 marzo 2020) e dettando ulteriori disposizioni. Le principali previsioni sono le seguenti.
Nel periodo tra il 9 marzo e il 15 aprile 2020 (il “Periodo di Sospensione”):
(i)    Tutte le udienze fissate nel Periodo di Sospensione sono rinviate d’ufficio dopo il 15 aprile 2020; 
(ii)    Tutti i termini procedurali (e.g. per la notifica degli atti di citazione, per il deposito di memorie, per la proposizione di appelli, per gli atti dei procedimenti esecutivi) che decorrono durante il Periodo di Sospensione sono sospesi. Ciò significa che:
a.    i termini procedurali che dovevano iniziare decorrere nel Periodo di Sospensione inizieranno a decorrere alla fine di detto periodo;
b.    i termini procedurali che sono iniziati a decorrere prima del Periodo di Sospensione sono sospesi durante il Periodo di Sospensione e continueranno a decorrere alla fine di detto periodo;
c.    nel caso di termini procedurali da calcolarsi a ritroso rispetto ad un determinato evento (ad. es. il convenuto deve costituirsi in giudizio 20 giorni prima dell’udienza), l’evento (es. l’udienza) è posticipato in modo da garantire il rispetto del termine. 
(iii)    Durante il Periodo di Sospensione sono sospesi anche i termini relativi alle procedure di mediazione e ad altre procedure di ADR.
Il Periodo di Sospensione non si applica ad alcuni specifici procedimenti indicati all’art. 83 co. 3 del Decreto (si tratta di procedimenti che implicano questioni delicate che non possono essere rinviate, ad. es. gravi situazioni che coinvolgono minori). I giudici possono anche decidere caso per caso ed escludere dal rinvio d’ufficio quei procedimenti la cui ritardata trattazione può produrre grave pregiudizio alle parti.
Inoltre, anche dopo il Periodo di Sospensione, per il periodo tra il 16 aprile e il 30 giugno 2020 i Tribunali potranno adottare ulteriori misure per far fronte al rischio di contagio, tra cui:
•    la limitazione dell’accesso del pubblico agli uffici giudiziari; 
•    lo svolgimento delle udienze civili mediante collegamenti da remoto;
•    il rinvio delle udienze a data successiva al 30 giugno 2020.

Autori

La foto di Laura Opilio
Laura Opilio
Partner
Roma
Luca Odorizzi
Luca Odorizzi
Associate
Roma